ESCLUSIVA C.Manfredini:        <br/>"Su Chievo e Lotito..."

ESCLUSIVA C.Manfredini:
"Su Chievo e Lotito..."

“Il segreto del mio Chievo? Tutti avevano voglia di rivalsa ed erano consapevoli che il loro talento non era ancora uscito. Tutti remavano dalla stessa parte”. Christian Manfredini fu uno dei pro...

PESCHIERA
Marquez torna   <br/>in gruppo

Marquez torna
in gruppo

Da Peschiera arrivano buone notizie per il "Gran Capitan": Rafa Marquez ha sostenuto regolarmente la seduta con i compagni, come Nico Lopez, è pienamente recuperato. Per Emil Hallfredsson invece, ancora lavoro differenziato sul campo e cure fisioterapiche. Continuano incessanti le cure fisioterapiche per il moldavo Artur Ionita.PROGRAMMA ALLENAMENTI Sabato 25 aprile: seduta mattutina (ore 11) a porte chiuseDomenica 26 aprile: Hellas Verona-Sassuolo (ore 15)
CHIEVO A ROMA
MARAN: "LAZIO? SERVE     <br/>LA PARTITA PERFETTA"

MARAN: "LAZIO? SERVE
LA PARTITA PERFETTA"

"La Lazio ha tante soluzioni, dobbiamo essere bravi a fare una partita perfetta". Analisi lucida e realistica quella di Rolando Maran. Domenica all'Olimipico contro la lanciatissima Lazio di Pioli, non si dovrà sbagliare una virgola. Il tecnico roveretano è intervenuto in conferenza stampa per presentare il match: "Dobbiamo continuare a far bene. La salvezza è vicina, molti all'esterno dicono che la salvezza sia già raggiunta, ma a noi interessa poco. Le nostre motivazioni non sono calate: sicuramente la Lazio è forte e avrà tante motivazioni, però di certo non abbiamo meno motivazioni di loro. Noi abbiamo trovato il nostro equilibrio".C'è dispiacere per il pareggio con l'Udinese. Contro la Lazio non si è perdenti in partenza: "Con l'Udinese c'è un po' di rammarico. Abbiamo tirato molte volte in porta e abbiamo avuto le occasioni per vincere. Purtroppo gli episodi non sono stati a nostro favore, con un po' di cinismo in più avremmo potuto vincere. Sulla carta, a Roma, ci danno tutti per spacciati. Secondo me questo è uno stimolo in più per la squadra: ci dobbiamo esaltare, e giocare con l'entusiasmo di chi sa che può ottenere solo risultati positivi". Non c'è un giocatore biancoceleste in particolare da temere: "Loro hanno tante soluzioni, dobbiamo essere bravi a fare una partita perfetta. Dobbiamo esaltare le nostre caratteristiche. Con Pioli ho sempre avuto un buon rapporto e spesso ci sentiamo al telefono: c'è stima reciproca". Infine un pensiero ai tifosi dopo il successo del galà di Isola Della Scala: "L'entusiasmo dei tifosi è una risorsa in più. Dobbiamo cavalcare l'entusiasmo. Dà ulteriore carica all'ambiente. Questo deve renderci orgogliosi: ci sentiamo apprezzati dal nostro pubblico. Noi siamo sempre concentrati e ci alleniamo con intensità durate tutta la settimana".Il Chievo partirà per Roma domani pomeriggio in treno da Verona, dopo l'allenamento del mattino. Assenti gli squalificati Birsa e Meggiorini, al loro posto Hetemaj e Pellissier. Intanto si è svolto il penultimo allenamento della settimana a Veronello. Questo il programma che mister Rolando Maran insieme al suo staff ha fatto svolgere oggi: attivazione fisica, torello, lavori sulla fase difensiva e offensiva di squadra, calci piazzati, cross e conclusioni in porta.
TEZENIS
RAMAGLI, COACH   <br/>DELL'ANNO A2

RAMAGLI, COACH
DELL'ANNO A2

Dopo il riconoscimento a Derryl Monroe, arriva un altro premio importante in casa scaligera: Alessandro Ramagli è il miglior allenatore della A2 Gold. Il coach della Tezenis Verona si è aggiudicato il riconoscimento di LNP "in virtù del primato conquistato al termine della stagione regolare, chiusa con un record di 22 vinte e 4 perse, che permetterà alla Tezenis di usufruire del fattore campo per tutti i playoff".Alle sue spalle Andrea Diana (18-8, Centrale del Latte Brescia), Luca Bechi (16-10, Manital Torino), Marco Ramondino (15-11, Novipiù Casale Monferrato) e Fabio Corbani (15-11, Angelico Biella).Nella stagione in corso Ramagli ha anche guidato la selezione italiana LNP Assist All Stars nell’All Star Game di Mantova vincendo con la Tezenis la IG Basket Cup Serie A2, oltre a conquistare per tre volte il premio di allenatore del mese ad ottobre, novembre ed aprile.
TEZENIS
ECCEZIONALE MONROE:    <br/>MVP DEL CAMPIONATO

ECCEZIONALE MONROE:
MVP DEL CAMPIONATO

Darryl Monroe non ha rivali: è lui il miglior giocatore di tutto il campionato. Un regular season straordinaria: il titolo di miglior giocatore del campionato di Serie A2 Gold 2014-15 è dell'ala grande scaligera a stelle e strisce. La Lega Nazionale Pallacanestro ha definito "splendido il campionato giocato dal 29enne Monroe, che ha viaggiato a 17.7 punti, 9.4 rimbalzi e 3.3 assist per gara. Tirando con il 60% dal campo e l’83% ai liberi".Il riconoscimento è stato attribuito tenendo conto dell’indice di valutazione FIBA, medesimo criterio che ha visto assegnare in stagione i premi dei migliori del mese. Con una valutazione media di 24.0, Monroe ha preceduto BJ Raymond (23.3, Angelico Biella), Murphy Holloway (20.1, Pallacanestro Trieste 2004), Michele Maggioli (19.8, Fileni BPA Jesi) e Howard Sant Roos (19.6, Assigeco Casalpusterlengo).Monroe nelle 23 gare disputate in campionato ha realizzato almeno 10 punti in 21 occasioni, mancando la doppia cifra solo nelle due sfide con l’Orange Moon Barcellona, sia all’andata che al ritorno. 10 le partite nelle quali è andato in doppia cifra nei rimbalzi e 10 sono anche le gare nelle quali ha fatto registrare una doppia doppia in punti e rimbalzi. Da evidenziare anche le 6 partite con almeno 5 assist distribuiti, dato notevole per un lungo.Suoi massimi in stagione i 29 punti realizzati nell’ultima di campionato a Torino, i 17 rimbalzi catturati nel successo su Trapani e i 9 assist recapitati ai compagni nella vittoria casalinga sulla Manital.Il giocatore uscito da George Mason University, che prima di approdare a Verona aveva avuto trascorsi in Olanda, Francia e Spagna, è stato protagonista anche del successo veronese nella IG Basket Cup Serie A2, con 19 punti e 14 rimbalzi nella finale con Ferentino. Nell’albo d’oro del riconoscimento Monroe succede a Davide Pascolo (Aquila Basket Trento), vincitore nel 2013/2014.La premiazione di Monroe come miglior giocatore della A2 Gold 2014-15 sarà definita nel corso dei playoff.
SAVIOLA: "SONO CONTENTO     <br/>ANCHE SE NON GIOCO"

SAVIOLA: "SONO CONTENTO
ANCHE SE NON GIOCO"

"Sicuramente mi sarei aspettato di giocare un po’ di più a Verona, però non potevo saperlo...

SCUOLA CALCIO
HELLAS SUMMER CAMP:  <br/>OFFERTA SCONTO

HELLAS SUMMER CAMP:
OFFERTA SCONTO

Per vivere un’estate…in gialloblù, corri ad iscriverti agli Hellas Summer Camp e risparmia 50 euro con la Promo BPV. La promozione, nata dalla partnership tra Hellas Verona FC e Banca Popolare di Verona, è riservata ai primi 100 che si iscriveranno ad almeno due settimane dell’Hellas Summer Camp. Per ottenere il rimborso basterà stampare il coupon che l’Hellas Verona invierà via mail una volta completata l’iscrizione, recarsi in qualsiasi filiale della BPV di Verona e provincia ed aprire GRATUITAMENTE uno dei prodotti dedicati BrucoConto o Let’s Bank Scoprire, in cui verranno versati i 50 €.Con Banca Popolare di Verona sarà possibile anche rateizzare la quota d’iscrizione per importi superiori a 1.000 €. Per maggiori informazioni visita www.bpv.it oppure chiedi informazioni presso una filiale BPV.
PROGETTO SCUOLA
I BAMBINI DELLE SCUOLE <br/>TUTTI ALLO STADIO

I BAMBINI DELLE SCUOLE
TUTTI ALLO STADIO

Più di 1.000 bambini, insieme ad altrettante famiglie, per uno stadio tutto gialloblù. Domenica 26 aprile, in occasione della sfida Hellas Verona-Sassuolo, i piccoli studenti protagonisti del "Progetto Scuola 2014-15 - Gioca con la tua classe" assisteranno alla partita dalla Tribuna Superiore Est del Bentegodi, pronti a sostenere i loro campioni grazie all'evento "Tutti allo stadio". Un’iniziativa speciale, unica nel suo genere, per far capire l’importanza del calcio come veicolo di messaggi positivi. L’Hellas Verona FC crede in questo progetto, seguito ormai da anni, affinché tutti i bambini possano avvicinarsi all’attività sportiva in maniera sana e divertente. In tribuna, insieme agli studenti, saranno presenti la professoressa Angela Capuzzo, coordinatrice dell'ufficio scolastico di educazione fisica di Verona e, in rappresentaza della facoltà di Scienze motorie, il professor Luciano Bertinato.Un’opportunità per i bambini di vivere un momento speciale e unico, perché a fine primo tempo avranno anche la possibilità di sfilare in campo affiancati dagli allenatori del Settore Giovanile dell’Hellas Verona FC.Ecco, di seguito, le scuole che parteciperanno a questo appuntamento:Scuole primarie· “Zanella” di Rizza· Alpo· “Locchi” di Dossobuono· “Camozzini” di Verona· “Giuliari” di Verona· “C.Collodi” di Montecchia di Crosara· “Bonaldo” di Verona· Erbezzo· Caprino Veronese· “Francesco Fontana” di Pesina di Caprino Veronese· Buttapietra· Cerro Veronese · “Aportiane” di Verona· “Tamburino Sardo” di Custoza· “I.Provolo” di Verona· “Berto Barbarani” di Verona· “Vivaldi” di Albaredo d’Adige· Quaderni· Pizzoletta· Vigasio· “P.Caliari” di SandràScuole secondarie di primo grado· Erbezzo· “A.Balladoro” di Povegliano Veronese
VIGHINI SHOW
MARQUEZ: VOGLIO GIOCARE    <br/>ANCORA CON L'HELLAS

MARQUEZ: VOGLIO GIOCARE
ANCORA CON L'HELLAS

In estate è stato accolto come l'uomo in grado di dare al Verona una nuova forza, una nuova proiezione verso un campionato meno sofferto. Schivo, di poche parole, Rafa Marquez non ha mai nascosto di aver trovato qualche difficoltà in più rispetto alle aspettative con la maglia gialloblù. Ma non si è mai sottratto alle critiche e così, questa sera, ha detto la sua al Vighini Show. Una chiacchierata per far breccia in uno dei grandi del calcio mondiale. Che probabilmente a Verona ha ancora qualcosa da dire.Io e Verona"Comincio col dire che qui a Verona mi trovo benissimo, la gente è sempre molto gentile con me e con la mia famiglia e questo per me è fondamentale. Il mio arrivo qui? Dopo il Mondiale col Messico io avevo voglia di giocare nel campionato italiano e questa è stata una grande opportunità. Alla mia età non è stato facile ma appena è arrivata questa possibilità ho deciso di andare via dal Messico. E' stato Demetrio Albertini a parlarmi bene di Verona, della città e dei suoi tifosi. Io mi sono informato sulla storia di questa squadra, ho lasciato un contratto oneroso ma la voglia di giocare in Italia era tanta. Questo è un campionato difficile, tatticamente il più complicato che ho trovato. Sono arrivato in una squadra nuova, che ha cambiato molto. All'inizio qualche problema sicuramente c'è stato".Difendere, difendere, difendere..."Sicuramente avrei voluto fare di più di quello che ho fatto. Ho preso un po' di tempo per abituarmi a tutto quello che di nuovo ho trovato, e non è stato semplice. La prima partita contro l'Atalanta mi sono trovato benissimo perchè impostavo il gioco, poi qualcosa ho dovuto cambiare e mi sono adattato. Prima di venire a Verona ero sempre stato abituato a giocare in avanti, ora che sono qui, la prima cosa è difendere, la seconda è difendere e la terza è ancora difendere (ride)".La difesa? Colpa di tutti"I nostri problemi sono stati tanti, soprattutto per quello che riguarda la difesa. E' stata un po' colpa dei singoli e un po' colpa del modo di giocare. Forse non sempre abbiamo capito cosa voleva il mister, ma io penso che si possa migliorare, anche se manca poco. I difensori non possono sbagliare, perchè se sbagliano arrivano i gol. Dobbiamo lavorare per fare il meglio possibile. La squadra lo sa e credo che adesso abbiamo trovato la soluzione anche la mentalità giusta".Che duri gli allenamenti a Verona"La mia mentalità è sempre stata quella di vincere ogni partita, non mi è mai importato contro chi gioco. Ma se tutta la squadra non va insieme è molto difficile vincere. Qui la tattica è molto importante e anche il lavoro in settimana è molto duro. A Barcellona ci allenavamo due ore al massimo tra campo e palestra. Anche questa è stata una difficoltà per me. Tra i miei compagni di reparto, sicuramente Moras è quello col quale mi sono trovato meglio. A noi basta una parola o anche solo uno sguardo".Voglio fare ancora bene al Verona"Sento sicuramente una grande responsabilità e voglio dare ancora tanto, fare ancora meglio. Ho un altro anno di contratto con l'Hellas e sono convinto che potrò finire bene questo campionato, pensando anche al prossimo. Per noi quest'anno c'è stata molta pressione, per fare meglio dell'anno scorso. Probabilmente la squadra poteva essere anche più forte, ma non è stata molto continua".Io e Mandorlini"Con lui il rapporto è abbastanza buono, è sicuramente diverso dagli altri allenatori che ho incontrato. Ma devo dire che anche da lui ho imparato qualcosa".Io e Saviola"Sicuramente pensava di poter giocare di più, ma lui non ha mai creato problemi. E' un grande professionista e si allena sempre al 100%. Aspetta la sua occasione, nonostante di tempo ne sia passato già tanto. Anche io sono così comunque, voglio sempre essere professionale, aiutare i compagni, fare sempre il meglio per la squadra. Sono sempre stato così. Forse a volte sono stato troppo generoso, ma fa parte di me, sono molto esigente".Su di me tantissime aspettative"Penso che la mia figura sia stata molto ingombrante soprattutto per i tifosi, mi hanno caricato di tante aspettative. Io sicuramente non sono più il Rafa Marquez di Barcellona, ho 36 anni ma mi alleno sempre per fare le cose alla grande. Nello spogliatoio sono stato accolto bene, nessuno credo che abbia sentito il peso della mia presenza. La mia famiglia mi ha sempre insegnato ad essere sincero e umile e quindi affronto sempre tutti a testa alta".Il mio futuro? A Verona"Penso che questo campionato mi sia servito per capire il calcio italiano e mi è servito tantissimo. Io ho un altro anno di contratto e voglio restare qui a Verona per far vedere ancora chi sono"Ecco il mio sogno"Nella mia carriera ho vinto tanto, ma si può sempre migliorare. Quindi il mio sogno sportivo è fare bene a Verona magari raggiungere traguardi più importanti della salvezza. L'Europa? Perchè no...".
ESCLUSIVA Remondina:          <br/>"Massa ci negò la B"

ESCLUSIVA Remondina:
"Massa ci negò la B"

“Contro il Portogruaro ho un ricordo negativo dell’arbitro Massa: ci negò un rigore clamoroso s...

RICONOSCIMENTO
Mandorlini vince il     <br/>"Premio Speme"

Mandorlini vince il
"Premio Speme"

Andrea Mandorlini vince il "Premio Speme". L'allenatore gialloblù è stato premiato come miglior personaggio dello sport veronese per l'anno 2014. Il premio è stato consegnato ad Andrea Mandorlini a Peschiera, tra gli altri, da Valerio Avesani, sindaco di San Martino Buon Albergo e assessore con delega allo sport. Arrivato ormai alla sedicesima edizione, il premio è stato vinto in passato da altri grandi sportivi dell'Hellas Verona come Cesare Prandelli (2000), Osvaldo Bagnoli (2002) e Gianluca Pegolo (2007).
PESCHIERA
NICO LOPEZ TORNA    <br/>REGOLARMENTE IN GRUPPO

NICO LOPEZ TORNA
REGOLARMENTE IN GRUPPO

Settimana piena di impegni per il Verona: domenica al Bentegodi ci sarà il Sassuolo di Eusebio Di Francesco, mentre mercoledì si andrà a Genova ad affrontare la Sampdoria in odore d'Europa. Oggi si è svolta una seduta pomeridiana a Peschiera: la squadra, agli ordini dell'allenatore Andrea Mandorlini, ha svolto riscaldamento, circuiti di forza sul campo, esercitazioni tattiche e partita. Nico Lopez ha sostenuto regolarmente la seduta con i compagni. Rafa Marquez ha svolto palestra e lavoro differenziato sul campo. Per Emil Hallfredsson differenziato sul campo e cure fisioterapiche. Cure fisioterapiche per Artur Ionita.PROGRAMMA ALLENAMENTI Venerdì 24 aprile: seduta pomeridiana (ore 15.30) a porte chiuseSabato 25 aprile: seduta mattutina (ore 11) a porte chiuseDomenica 26 aprile: Hellas Verona-Sassuolo (ore 15)
VERSO ROMA
PELLISSIER A SEGNO     <br/>CONTRO LA PRIMAVERA

PELLISSIER A SEGNO
CONTRO LA PRIMAVERA

Continua la preparazione in vista della difficile trasferta sul campo della Lazio. Oggi a Veronello è andata in scena la tradizionale amichevole del giovedì contro la Primavera. I gialloblù guidati da mister Rolando Maran hanno stabilito il punteggio finale sul 4-1: a segno Pellissier, Botta, Schelotto e Fetfatzidis mentre per la squadra allenata da Lorenzo D'Anna ha segnato Bob.La partita è stata alternata a dei lavori propriocettivi in palestra con il preparatore fisico Roberto De Bellis.
TERZA TAPPA TRENTINO
Cunego, altro squillo    <br/>in vista del Giro

Cunego, altro squillo
in vista del Giro

La condizione c'è e cresce di giorno in giorno. Anche nella tappa odierna al Giro del Trentino, la terza, Damiano Cunego ha mostrato buona brillantezza in salita giungendo quinto a soli cinque secondi dal vincitore di giornata Domenico Pozzovivo. La gara è stata contraddistinta da tre Gran Premi della Montagna: domani altro arrivo in salita e sicuramente Cunego proverà a piazzare l'attacco vincente.
MERCATO
Zukanovic, addio vicino   <br/>Inter a un passo

Zukanovic, addio vicino
Inter a un passo

Si parla già di mercato in casa Chievo nonostante il campionato non sia ancora finito. Il difensore Zukanovic, senz'altro uno dei migliori dell'annata, è finito nel mirino di diverse squadre fra cui l'Inter che sembra al momento in netto vantaggio. Il Chievo lo ha avuto in prestito dal Gent per una cifra vicina ai 400mila euro e lo dovrebbe riscattare a un milione per poi venderlo ai neroazzurri a 3,5 milioni.
PARLA IL BRASILIANO
CAMPANHARO: "CHIEVO?    <br/>PARTITA PIU' IMPORTANTE"

CAMPANHARO: "CHIEVO?
PARTITA PIU' IMPORTANTE"

"Contro il Chievo è una partita diversa da tutte le altre, per noi è la partita più importante”. Gustavo Campanharo non ha dubbi nell'indicare quale sarà la partita da circoletto rosso nell'ultimo mese di campionato: la salvezza ormai è raggiunta. Mercoledì 22 aprile il portiere gialloblù è stato ospite della scuola media “A. Manzoni” di Povegliano Veronese. Il centrocampista gialloblù è salito in cattedra per una lezione rivolta ad un’ottantina di ragazzi della terza media. L’incontro rientra nell'ambito del Progetto Scuola 2014-15, promosso dal Settore Giovanile e dalla Scuola Calcio dell'Hellas Verona FC con la collaborazione della Facoltà di Scienze Motorie dell'Università di Verona.Campanharo si è presentato raccontando la sua esperienza calcistica: “Ho fatto le giovanili nella Fiorentina, poi sono tornato in Brasile. Giocavo nel Bragantino e durante una gara con il San Paolo il direttore sportivo Sean Sogliano mi ha notato e mi ha portato qui a Verona. Per me è un onore indossare i colori gialloblù, il Verona è una squadra molto importante, mi trovo molto bene. Il mio sogno è quello di riuscire un giorno ad arrivare in un top club”. Il gialloblù non ha nascosto i sacrifici necessari per intraprendere la carriera del calciatore: “E’ dura salutare la famiglia quando si è molto giovani, a volte sento la mancanza della mia famiglia”. Ciò nonostante, ci sono anche molti lati positivi: “Fin da piccolo ho sempre voluto essere un calciatore, è sempre stato il mio sogno, non ho mai pensato a cosa avrei potuto fare. Sono contentissimo di essere in una squadra che gioca nella massima serie, credo che sia l’obiettivo di ogni calciatore. Cosa faccio quando non sono in campo? Mi piace giocare a tennis, durante le vacanze mi diletto in questo sport. Quando sono a casa mi piace giocare a Fifa con la PlayStation, ho un personaggio personalizzato”. Una vita per il calcio, ma senza tralasciare l’importanza dei banchi di scuola. “Studiare è molto importante, ciò che non ho imparato sul campo da calcio l’ho appreso a scuola. Questi due elementi insieme mi hanno aiutato a crescere”.Infine un consiglio che Campanharo ha dato agli studenti impegnati con i mille dubbi sull’orientamento scolastico: “A me piace tantissimo il calcio, non lo vedo come un lavoro ma come un hobby. Penso che bisogni sempre cercare di fare ciò che più ci piace”. “Ma come si fa a diventare un calciatore?”, la domanda degli studenti. “Vi darò il consiglio che tempo fa diedero a me: allenatevi tanto e seguite il vostro sogno. Se questo è il vostro desiderio, soltanto voi potete realizzarlo”. Prima di salutarsi, i ragazzi hanno voluto sapere come i gialloblù si stanno preparando alla partita contro il Chievo. “E’ una partita diversa da tutte le altre, per noi è la più importante”, ha spiegato Campanharo. “Ci stiamo allenando molto, sarebbe bello riuscire a vincerlo”.
TUTTI A GENOVA
SAMPDORIA-VERONA:     <br/>AL VIA LA PREVENDITA

SAMPDORIA-VERONA:
AL VIA LA PREVENDITA

Manca poco alla sfida infrasettimanale tra Sampdoria e Verona, in programma mercoledì 29 aprile alle ore 20.45. La società U.C. Sampdoria ha comunicato le seguenti modalità di prevendita dei biglietti: i tagliandi del Settore Ospiti dello stadio "Ferraris" di Genova (costo tagliando 16 euro più diritti di prevendita), sono acquistabili esclusivamente dai possessori della Tessera del Tifoso "Non vi lasceremo mai", muniti di un documento originale d'identità, presso i punti vendita del circuito Listicket abilitati sul territorio nazionale. La vendita dei biglietti è già iniziata e terminerà alle ore 19 di martedì 28 aprile. L'ingresso sarà consentito mediante l'esibizione congiunta del biglietto per la gara, della Tessera del Tifoso e del documento d'identità.Ecco, di seguito, i punti vendita nel veronese:Largo Ca' di Cozzi 36 - 37124 VeronaVia colonello Giovanni Fincato 47 - 37131 VeronaPiazza Garibaldi 2 - 37132 VeronaVia Centro 153 - 37135 Verona
DOMENICA AL BENTEGODI
VERONA-SASSUOLO:  <br/>CANCELLI APERTI DALLE 13

VERONA-SASSUOLO:
CANCELLI APERTI DALLE 13

In occasione della gara Hellas Verona-Sassuolo, in programma domenica 26 aprile alle ore 15, i cancelli dello stadio Bentegodi apriranno alle ore 13.
SQUALIFICATI E DIFFIDATI
MEGGIORINI E BIRSA   <br/>SALTANO LA LAZIO

MEGGIORINI E BIRSA
SALTANO LA LAZIO

Saranno tre gli squalificati del match di domenica allo stadio Olimpico di Roma che i gialloblù giocheranno alle ore 15.00 contro la Lazio. Si tratta di Riccardo Meggiorini e Valter Birsa per il ChievoVerona e Danilo Cataldi per i biancazzurri. L'unico diffidato in casa clivense è Mariano Izco. Questi invece i numerosi diffidati in casa biancoceleste: Stefan De Vriji, Stefan Radu, Ogenyi Onazi, Miroslav Klose, Keita Baldè Diao.
DESIGNAZIONI
Dino Tommasi per  <br/>Lazio-Chievo

Dino Tommasi per
Lazio-Chievo

A dirigere il match dell'Olimpico tra Lazio e Chievo sarà Dino Tommasi di Bassano Del Grappa. Il fischietto vicentino sarà coadiuvato da Marzaloni e Stallone. Il quarto uomo sarà Posado. A fondo campo agiranno Baracani e Giacomelli.
DESIGNAZIONI
VERONA-SASSUOLO AL    <br/>PADOVANO CHIFFI

VERONA-SASSUOLO AL
PADOVANO CHIFFI

Sarà Daniele Chiffi della sezione di Padova, a dirigere il match tra Verona e Sassuolo , in programma domenica 26 aprile allo stadio Bentegodi alle ore 15. Il direttore di gara sarà assistito dai guardalinee Vivenzi e Longo, il quarto uomo sarà De Luca. I due arbitri addizionali di fondo campo saranno Merchiori ed Aureliano.
TEZENIS
UMEH, MIGLIORE  <br/>TIRATORE DA TRE PUNTI

UMEH, MIGLIORE
TIRATORE DA TRE PUNTI

Un americano "cecchino" da fuori. Quante volte è mancato a Verona in questi anni? Di certo non in questa stagione: Michael Umeh ha chiuso la stagione regolare al primo posto nella classifica della percentuale al tiro da tre. La guardia americana della Tezenis Verona ha messo a segno 63 triple su 138 tentativi, chiudendo quindi con una percentuale del 46%. Dietro di lui in classifica troviamo Benjamin Raymond dell’Angelico Biella (44%, 86/197), Manuel Carrizo dell’Assigeco Casalpusterlengo (43%, 29/67) e Robert Fultz della Dinamica Mantova (43%, 36/84). Al quinto posto c’è invece l’altro gialloblu Klaudio Ndoja (42%, 44/105), a lungo in testa in questa graduatoria nella prima parte della stagione.Tra le migliori prestazioni al tiro da tre di Umeh ricordiamo il 7/9 nella gara d’andata contro Trieste, il 7/8 della gara di ritorno contro Jesi e il 4/6 della sfida giocata al PalaOlimpia contro Casalpusterlengo.
TEZENIS
PLAY-OFF: ASSIST PER     <br/>ABBONATI HELLAS E CHIEVO

PLAY-OFF: ASSIST PER
ABBONATI HELLAS E CHIEVO

Tutti insieme ai playoff. Anche gli abbonati di Hellas Verona, ChievoVerona e Calzedonia, a cui la Scaligera Basket riserverà condizioni privilegiate per le prime due gare dei quarti di finale, in programma alle 20:30 di sabato 2 e lunedì 4 maggio, le stesse già riservate ai proprio abbonati nella prima settimana di prevendita.La società ha previsto un pacchetto “speciale” per gli abbonati di Hellas Verona, Chievo e Calzedonia che acquisteranno i biglietti di entrambe le partite, aprendo il PalaOlimpia anche agli appassionati di calcio e volley e a tutti gli sportivi veronesi nel momento decisivo della stagione che potrebbe restituire a Verona la pallacanestro d’élite.La Scaligera Basket inoltre conferma la propria totale apertura affinché altre realtà sportive d’eccellenza possano coinvolgere gli abbonati della Tezenis Verona in simili iniziative, come quella promossa dalla Calzedonia Verona lo scorso 16 novembre per l’incontro con Latina.La prevendita del pacchetto «Gara-1 + Gara-2” sarà attiva da lunedì 27 a giovedì 30 aprile nella sede della Scaligera Basket di via Cristofoli 48, a Verona, al mattino dalle 10 alle 12:30 ed il pomeriggio dalle 15 alle 18, sabato 2 maggio dalle 10 alle 12:30 ai bigonci del PalaOlimpia. Per usufruire della promozione, valida solo per i quarti di finale, basterà mostrare il proprio abbonamento stagionale.PARTERRE: intero € 45 (invece di € 50), ridotto € 35 (invece di € 40)TRIBUNA NUMERATA: intero € 26 (invece di € 32), ridotto € 17 (invece di € 20)GRADINATA: intero € 20 (invece di € 24)?, ridotto € 13 (invece di € 16)CURVA: intero € 13 (invece di € 16), ridotto € 8 (invece di € 10)
DALLE 21.10 SU TELENUOVO
STASERA RAFA MARQUEZ     <br/>AL VIGHINI SHOW

STASERA RAFA MARQUEZ
AL VIGHINI SHOW

Sarà l'occasione di conoscere da vicino un grande campione. Staserà Rafa Marquez sarà ospite del Vighini show, in onda dalle 21.10 dal palco dell'Hellas Kitchen.Una stagione tribolata, quella di Rafa Marquez, non all'altezza delle aspettative anche personali del messicano. Ma l'enorme voglia di riscatto e la tenacia, fanno capire che Marquez ha tanta voglia di riscatto e soprattutto di dimostrare che lui in Italia ci sa stare alla grande dopo aver giocato e vinto praticamente ovunque.Anche da casa si potrà interagire con Rafa Marquez. Basterà mandare i vostri sms allo studio centrale di Verona dove Giovanni Vitacchio smisterà le varie domande.In studio anche il capitano della Tezenis Giorgio Boscagin, grande tifoso del Verona.
VOLLEY PLAY-OFF
CALZEDONIA, KO A PERUGIA           <br/>STAGIONE FINITA (3-1)

CALZEDONIA, KO A PERUGIA
STAGIONE FINITA (3-1)

La Calzedonia chiude a Perugia la sua stagione. Il volley veronese non riesce ad entrare nella storia: alle semifinali ci andrà Perugia. Un partita equilibrata che ha visto parziali sempre in bilico con set combattuti (anche con i vantaggi) davanti ad un PalaEvangelisti gremito in ogni ordine di posto. Solo nell'ultimo set si sono rotti gli equilibri in favore della Sir Safety: finisce 3-1. La chiave della partita è stata senz’altro (negli attimi finali) il terzo set: Perugia è riuscita ad avere la meglio solamente ai vantaggi. Da rimarcare in casa umbra la prova sontuosa di Atanasijevic (21 punti). In casa scaligera da segnalare la buona prova di Mitja Gasparini (17 punti). Ora Perugia affronterà la Diatec Trentino: ovvero la prima in classifica alla fine di questa stagione, nonché la regina incontrastata del volley italiano ed europeo degli ultimi dieci anni. Adesso i trentini sono i favoritissimi: i Campioni d’Italia della Lube Banca Marche sono usciti di scena, perchè hanno perso in casa contro Latina (3-1).CRONACA Al PalaEvangelisti, coach Giani schiera il tipico lo starting six: Coscione in cabina di regia, Gasparini opposto, Sander e Deroo schiacciatori, Anzani e Zingel al centro con Pesaresi libero. La gara parte subito equilibrata, solamente gli episodi spostano l’andamento del set. Come l’errore in attacco di Gasparini che riporta avanti i padroni di casa sul 7 a 8. Proprio l’opposto gialloblù, però, schiaccia su azione di rigiocata il 10 a 10; la gara è spettacolare e al time out tecnico le due formazioni arrivano sul 12 a 11 dopo un millimetrico pallonetto di Vujevic. Al rientro in campo Perugia si defila: arrivano i muri di De Cecco su Sander e Vujevic su Gasparini. Gli umbri gestiscono e chiudono il set sul 25 a 20.SECONDO SET. Si apre con un doppio Gasparini (0-2), poi sorpassata da Atanasijevic subito dopo (5-4). Poi Coscione mura Vujevic (6-8) e Deroo conquista l’ace successivo. E’ ancora Coscione, terzo a muro, a conquistare un punto fermando Atanasijevic (7-11). Al time out tecnico sono quattro i punti di vantaggio per Verona che al rientro in campo annulla per due volte altrettante azioni di rigiocata di Perugia (12-16). Dopo un rientro pericoloso di Perugia sul 20-22, Sander (in pipe) porta Verona nelle acque tranquille del 20 a 23. Alla fine la Calzedonia chiude il set sul 25 a 21.TERZO SET. Perugia scappa subito sul 5 a 3 dopo l’errore da posto due di Gasparini che manda out. E’ l’opposto sloveno, dopo una bella difesa di Verona, a riportare tutto in parità (6-6). Le squadre si equivalgono: Deroo mette giù l’ace del 15 a 16, poi Buti chiude in primo tempo per il 17 a 16 e Vujevic firma il 18 a 16 con un ace. Giani chiama time out ed inserisce White per dare maggiore equilibrio alla ricezione. Sul turno al servizio di Sander, arriva il pareggio sul 20 a 20 poi Bellei conquista l’ace del 21 a 22 ma Perugia passa di nuovo. Finale ai vantaggi, Vujevic difende un attacco di Sander e sulla rigiocata Gasparini commette un errore esiziale buttando la palla in rete: 26-24 il finale.QUARTO SET. Atanasijevic fa il bello e il cattivo tempo. Dopo un sostanziale equilibro iniziale, Perugia prende il largo arrivando al 20-15. Verona si spegne poco a poco. Alla fine Perugia conquista il quarto set per 25-18.PERUGIA-VERONA 3-1 (25-20, 21-25, 26-24, 25-18)L.V.
CHIEVO
Inizia la preparazione  <br/>in vista dell'Olimpico

Inizia la preparazione
in vista dell'Olimpico

Dopo il pareggio contro l'Udinese, inizia la preparazione in vista della delicata sfida contro la Lazio dell'ex Pioli. Dopo due giorni di riposo, la squadra agli ordini di Rolando Maran ha svolto una doppia seduta di allenamento oggi a Veronello. Questo il programma svolto da Pellissier e compagni:Alla mattina è stato svolto lavoro di forza individuale in palestra uniti a lavori elastico-reattivi in campo. Mentre al pomeriggio: tecnica a terzetti, possesso palla in superiorità numerica, partitine a pressione, esercitazione partita da area ad area.IL PROGRAMMA SETTIMANALEGiovedì 23/04: allenamento pomeridiano alle ore 14.30.Venerdì 24/04: allenamento mattutino alle ore 11.00. La seduta si svolgerà a porte chiuse.Sabato 25/04: allenamento mattutino alle ore 11.00. La seduta si svolgerà a porte chiuse.Domenica 26/04: 32^ giornata Serie A Tim: Lazio - ChievoVerona allo stadio Olimpico di Roma alle ore 15.00.Lunedì 27/04: allenamento mattutino alle ore 11.00
HELLAS VERONA
Peschiera, Marquez:       <br/>lavoro in palestra

Peschiera, Marquez:
lavoro in palestra

Dopo la vittoria di Firenze, continua la preparazione in vista del match di domenica contro il Sassuolo. La squadra ha svolto riscaldamento, torelli, lavoro atletico e partitella. Rafa Marquez, alle prese con un'infiammazione muscolare, ha svolto palestra e cure fisioterapiche. Per Emil Hallfredsson corsa sul campo e cure fisioterapiche. Lavoro differenziato sul campo e fisioterapia per Nico Lopez. Cure fisioterapiche per Artur Ionita.PROGRAMMA ALLENAMENTIGiovedì 23 aprile: seduta pomeridiana (ore 15.30) Venerdì 24 aprile: seduta pomeridiana (ore 15.30) a porte chiuseSabato 25 aprile: seduta mattutina (ore 11) a porte chiuseDomenica 26 aprile: Hellas Verona-Sassuolo (ore 15)
GIRO DEL TRENTINO
Cunego e Zardini    <br/>protagonisti al Trentino

Cunego e Zardini
protagonisti al Trentino

Prova di grandissimo spessore per i due veronesi Damiano Cunego ed Edoardo Zardini nella seconda tappa del Giro del Trentino. Lo scalatore della Nippo-Fantini si è classificato terzo alle spalle di Porte e Lanza con 32 secondi di ritardo gli stessi di Zardini, sesto. "Ho provato a vincere, mi sento bene e nei prossimi giorni ci riproverò" il commento di Cunego subito dopo la gara.
IL GIOVANE BOMBER
CAPPELLUZZO A SEGNO  <br/>CON LA NAZIONALE

CAPPELLUZZO A SEGNO
CON LA NAZIONALE

Cappelluzzo sempre a segno: sia con la maglia gialloblù, sia con la maglia azzurra. E’ terminato a Coverciano lo stage della Nazionale Under 19, che si è imposta per 3-0 sulla Rappresentativa Under 18 della Lega Nazionale Dilettanti nel test match di allenamento che ha chiuso il raduno. Il primo dei 3 gol degli azzurrini è stato segnato dall'attaccante ex Siena al 6' del primo tempo. Gol arrivato sugli sviluppi di un corner dalla destra battuto corto: Clemenza ha servito un preciso rasoterra per Cappelluzzo che, di prima intenzione, ha insaccato con un diagonale destro.
PREMIATO STAMATTINA
MORAS CAMPIONE USSI:     <br/>MIO FRATELLO STA BENE

MORAS CAMPIONE USSI:
MIO FRATELLO STA BENE

Vangelis Moras è stato premiato stamattina nella sala conferenze di Unicredit con il premio dell'Ussi, l'unione della stampa sportiva italiana, "Campione nella vita, campione nello sport".Moras, difensore del Verona, ha salvato la vita del fratello Dimitris, donando il suo midollo osseo dopo che gli era stata diagnosticata in Australia una forma di leucemia."Dimitris adesso sta bene e probabilmente a luglio tonerà a casa in Grecia (adesso è ancora a Melbourne in Australia)" ha spiegato molto commosso Moras. Che ha parlato anche del Verona. "Questa è una squadra così, probabilmente rendiamo meglio quando siamo sotto pressione. E' vero, nelle ultime due gare non avevamo fatto bene. Ci stavano le critiche. Ma poi reagiamo sempre. Adesso mi aspetto un grande finale di campionato proprio per smentire questo andamento".Il difensore greco ha anche svelato un accordo "segreto" contenuto sul suo contratto. Un rinnovo automatico, legato alle presenze in campionato. Presenze che Vangelis ha raggiunto e abbondantemente superato. Giocherà, quindi un'altra stagione con l'Hellas
PREMIO AL SERBO
JANKOVIC MASTINO    <br/>IN VERONA-INTER

JANKOVIC MASTINO
IN VERONA-INTER

Bosko Jankovic è stato giudicato come migliore gialloblù nella perentoria sconfitta patita al Bentegodi contro l'Inter: l'esterno serbo si aggiudica la quindicesima tappa del "Mastino del Bentegodi", il concorso promosso dalla Confcommercio Verona. Sono 22 le sue preferenze, alle sue spalle Sala, con 15 voti, quindi Obbadi (9), Hallfredsson (8), Saviola (6), Tachtsidis e Toni (5), Rodriguez (3), Gomez Taleb, Greco, Rafael e Valoti (tutti a quota 2). In classifica generale Toni è saldamente primo con 360 preferenze; sempre molto ampio il margine su Tachtsidis, secondo a quota 157 e Hallfreddsson, terzo a 124. Classifica "Il Mastino del Bentegodi" contro l'Inter1) Jankovic 22 voti2) Sala 15 voti3) Obbadi 9 voti4) Hallfredsson 8 voti5) Saviola 6 voti6) Tachtsidis 5 voti6) Toni 5 voti8) Rodriguez 3 voti9) Gomez Taleb 2 voti9) Greco 2 voti9) Rafael 2 voti9) Valoti 2 voti
PROGETTO SCUOLA
GOLLINI: "VERONA? PIAZZA  <br/>MOLTO IMPORTANTE"

GOLLINI: "VERONA? PIAZZA
MOLTO IMPORTANTE"

"Ho scelto Verona perché è una bella città, ma soprattutto perché l’Hellas Verona è una piazza molto importante”. Pierluigi Gollini non ha dubbi della scelta fatta a giugno: Verona è una tappa fondamentale per la sua crescita.Mercoledì 22 aprile il portiere gialloblù è stato ospite della scuola primaria “G.C. Camozzini” di piazza Chievo, per rispondere a domande e curiosità dei giovanissimi. L’incontro rientra nell'ambito del Progetto Scuola 2014-15, promosso dal Settore Giovanile e dalla Scuola Calcio dell'Hellas Verona FC con la collaborazione della Facoltà di Scienze Motorie dell'Università di Verona. Gollini ha parlato del suo curriculum di tutto rispetto: le giovanili a Firenze, poi l’esperienza di 2 anni maturata in Inghilterra al Manchester United. “Lì ho avuto la fortuna di allenarmi insieme a Rooney e altri grandi campioni”, ha esordito. “Ho cominciato tardi a fare il portiere, a 13 anni. Da piccolo ho iniziato a giocare come centrocampista, poi ho fatto il difensore, ma da sempre il mio sogno era quello di stare in porta, a Natale mi facevo regalare i guantoni”, ha spiegato il talentuoso Gollini. “Sono voluto tornare perché mi mancava l’Italia. Ho scelto Verona perché è una bella città, ma soprattutto perché L’Hellas Verona è una piazza molto importante”.Poi una domanda sul rigore di Diamanti. L'avrebbe parato anche lui come Rafael? “Non lo so. Forse si”. Gli studenti hanno insistito, volevano saperne di più. Pierluigi li ha accontentati con piacere: “Parare un rigore è una sensazione bellissima, una soddisfazione. Il segreto sta nel capire i movimenti dell’attaccante e indovinare il lato giusto. Le caratteristiche che deve avere un portiere? Istinto, riflessi e fisico”. Il portiere gialloblù non ha nascosto le difficoltà incontrate nel corso della sua giovane carriera: “Quando sono andato a Manchester avevo soltanto 16 anni, è dura stare lontano da casa”. Infine, prima di salutare i piccoli tifosi, ha voluto lanciare un appello sull’importanza della scuola: “Ho voluto fortemente finire la scuola e nonostante gli impegni quotidiani sul campo da calcio sono riuscito a conseguire la maturità, sono molto orgoglioso di questo risultato. E’ molto importante portare a termine il percorso di studi”.
TRASFERTA A GENOVA
Contro la Sampdoria  <br/>Tutti con la Curva Sud

Contro la Sampdoria
Tutti con la Curva Sud

La Curva Sud organizza la trasferta di Genova con la Sampdoria in pullman.Per iscrizioni rivolgersi al Bar Bentegodi entro martedì 28 aprile oppure chiamando il numero 333.9207052
ULTIMA AL BENTEGODI
VERONA-JUVENTUS:   <br/>AL VIA LA PREVENDITA

VERONA-JUVENTUS:
AL VIA LA PREVENDITA

L'Hellas Verona FC comunica che i biglietti per la sfida della 38a giornata del campionato Serie A TIM Hellas Verona-Juventus, in programma domenica 31 maggio allo stadio Bentegodi, saranno in vendita nelle seguenti modalità:Da martedì 21 aprile- Prevendita esclusiva riservata ai possessori della tessera “Non vi lasceremo mai”: possibilità di acquistare online i biglietti, per tutti i tifosi fidelizzati, prima dell’apertura delle vendite sul circuito nazionale. Il titolo digitale verrà caricato direttamente sulla Tessera del Tifoso, sarà quindi necessario stampare il voucher con le indicazioni del posto assegnato, che verrà emesso al termine della procedura, al fine di poterlo presentare ai cancelli di ingresso unitamente alla tessera;E’ ancora possibile sottoscrivere la card nei giorni delle gare interne dell’Hellas Verona presso la biglietteria n.1 dello stadio Bentegodi.Da martedì 5 maggio- Punti vendita: possibile acquistare i biglietti in tutti i punti vendita appartenenti al circuito Vivaticket presenti sul territorio nazionale - Online: acquisto da casa del biglietto tramite il sito di Vivaticket. con stampa diretta del voucher valido per l’ingresso senza necessità di passare dalla biglietteria per ulteriori ritiri. Attraverso questo sito sarà possibile quindi acquistare i biglietti online anche per chi non è in possesso della tessera “Non vi lasceremo mai” di Hellas Verona. IMPORTANTE DA SEGNALARE:La società Hellas Verona FC ricorda che la data dell’incontro non è stata ancora confermata dall’organizzatore della manifestazione, pertanto eventuali variazioni di data, ora o luogo successivamente disposte dalla Lega Calcio o da pubbliche autorità non daranno diritto a chiedere il rimborso del prezzo del biglietto oltre il giorno dell’emissione secondo quanto previsto. Rimane invariata la possibilità di cedere il titolo a terze persone, fino al giorno antecedente la gara, nelle modalità precedentemente indicate.
VERSO I PLAY-OFF
Ramagli, allenatore   <br/>del mese

Ramagli, allenatore
del mese

Per la Tezenis si avvicina il momento decisivo dell'anno: i play-off. Intanto arriva un bel riconoscimento per Alessandro Ramagli: il coach livornese è l’allenatore del mese di A2 Gold ad aprile, vincitore del trofeo "Migliori del Mese" ideato da LNP ed istituito in collaborazione con il presenting sponsor Viticoltori Ponte. Ramagli, si legge nella motivazione, è "l’unico coach a punteggio pieno nel mese di aprile, con due successi in altrettanti incontri. Ramagli, che ha concluso una stagione regolare da ricordare per il club gialloblù, primo con 22 vittorie e 4 sconfitte in 26 incontri, dopo il turno di riposo ha guidato la sua Tezenis al successo interno su Ferentino per poi concludere il mese con il colpo esterno del PalaRuffini contro Torino". Alle spalle di Ramagli, già vincitore ad ottobre e novembre, Giovanni Perdichizzi di Barcellona e Maurizio Lasi di Jesi.
VERSO IL SASSUOLO
Peschiera, Hallfredsson    <br/>e Lopez in piscina

Peschiera, Hallfredsson
e Lopez in piscina

Ieri si è svolta una seduta pomeridiana per il Verona di Andrea Mandorlini. La squadra è stata divisa in due gruppi: chi è sceso in campo nella gara con la Fiorentina ha svolto lavoro di recupero in piscina, mentre per chi non ha giocato riscaldamento, lavoro atletico, esercitazioni tecniche e partita. Jacopo Sala e Alessandro Agostini hanno svolto corsa sul campo. Per Emil Hallfredsson e Nico Lopez lavoro di recupero in piscina. Rafa Marquez, in attesa degli esami strumentali, ha svolto lavoro in palestra. Cure fisioterapiche per Artur Ionita.PROGRAMMA: Mercoledì 22 aprile: seduta pomeridiana (ore 15.30)Giovedì 23 aprile: seduta pomeridiana (ore 15.30) Venerdì 24 aprile: seduta pomeridiana (ore 15.30) a porte chiuseSabato 25 aprile: seduta mattutina (ore 11) a porte chiuseDomenica 26 aprile: Hellas Verona-Sassuolo (ore 15)
PROGETTO GIOVANI
Hellas Academy <br/>Tappa a Nogara

Hellas Academy
Tappa a Nogara

La prima volta del Circolo Noi "Don Bosco" Nogara. Inizia il viaggio in gialloblù della nuova società affiliata, che ha promosso il primo incontro di formazione sul proprio campo insieme agli istruttori qualificati del Settore Giovanile dell'Hellas Verona FC Daniele Marchi, Jacopo Moresco, Alberto Perbellini e Alessandro Salvoro. Il modo migliore per iniziare un percorso costruttivo e ricco di novità, per una società che ha condiviso con i gialloblù un pomeriggio di gioia e pallone, coinvolgendo le categorie Pulcini 2004 e 2005 in una serie di esercitazione tecniche, ludiche e ricreative insieme agli allenatore gialloblù. Un occasione anche per gli istruttori della società affiliata, che hanno approfittato della presenza dell'Hellas Verona FC per apprendere nuovi e innovativi metodi di allenamento.
TEZENIS
De Nicolao, migliore  <br/>negli assist

De Nicolao, migliore
negli assist

Manca poco ai play-off. Ma in casa Tezenis c'è la consapevolezza di aver il migliore playmaker del torneo: Andrea De Nicolao. L'ex Varese ha chiuso al primo posto la stagione regolare nella classifica degli assist. Per il play della Tezenis Verona una media di 6.4 passaggi vincenti a partita contro i 5.8 di Alessandro Piazza, i 5 di Fernandez, i 4.2 di Howard e Markel. Fra le più alte performances di De Nicolao gli 11 assist all’andata contro Trieste, i 12 al ritorno con Agrigento ed i 10 ancora a Trieste nella partita di ritorno.
IL PROTAGONISTA
RAFAEL COME GLI AVENGERS      <br/>VINCE SEMPRE LUI

RAFAEL COME GLI AVENGERS
VINCE SEMPRE LUI

Mano di ferro in guanto di velluto. O se volete: volontà d'acciaio dietro modi gentili. La terza vita di Rafael a Verona è iniziata domenica sera a Firenze. La prima l'aveva consumata in Lega Pro. Triturato dopo il gol di tale Bocalon contro il Portogruaro. "Non esce mai" era la litania di quel periodo. Si cercava un capro espiatorio per comprendere perchè il Verona di Remondina non fosse andato in serie B sprecando un vantaggio abissale. Rafael fu perfetto per quel ruolo. Ingoiò amaro, ma soprattutto lavorò come un ossesso, Rafael de Andrade Bittencourt, laureato in Economia in Brasile, ragazzo di sani principi e di schiena diritta. La seconda vita è iniziata a Salerno. Rivedere quella gara senza il patema del momento è utile. Il Verona andò in serie B perchè Rafael parò tutto quel pomeriggio. Parò anche le mosche, i petardi, il piscio di Salerno. E la sua immagine, mentre si arrampica sulla rete di protezione, ebbro di gioia, festeggiando con i tifosi gialloblù, è stata l'iconografia di quella promozione. Se Mandorlini era da far "santo subito", Rafael era come minimo da beatificare.Poi venne la B e la serie A. Mandorlini, giustamente, gli creò una protezione attorno, fiducia illimitata ma sempre ripagata. Miracoli a ripetizione, mille parate con il Verona arretrato e contropiedista che diventa la squadra più bersagliata del torneo e Rafael il portiere con più parate. Vorrà dire qualcosa.Non sempre le ciambelle vengono con il buco, così quest'anno Mandorlini decide che anche la fiducia per Rafael non può non avere scadenza. Lo mette in panchina trovando una formula controversa quanto simpatica per spiegarne l'accantonamento. "il titolare è Rafael, ma gioca Benussi". Inspiegabile, ma chiaro al tempo stesso. Si dice che Rafael parli poco, che non si faccia sentire dai compagni, quasi che l'arretramento verso il basso della difesa fosse dovuto a lui. Vero niente ma qualcuno ci crede. In porta va Benussi, ma Rafael soffre. Anche perchè nel frattempo la pattumiera di internet si mette a triturare merda e a spanderla nel ventilatore. Si sente di tutto. Gli hanno ritirato la patente, si ubriaca, ha litigato con Mandorlini. Peggio ancora: ha picchiato il mister. Una valanga di fango che se ti metti ad ascoltarla ti viene l'otite. Ma anche l'orchite se non hai le palle di ferro. Rafael ce le ha, anche se è gentile. Lavora, lavora, lavora. Torna in forma, supera gli infortuni. Gioca con l'Inter ed è la serata meno indicata. Prende tre sberle, ancora qualcuno scrive: "Non esce mai". Ma poi arriva Firenze, la terza vita. Come a Salerno, para tutto. Prima tocca un tiro di Lazzari, poi devia l'incornata di Gilardino, poi guizza sul rigore di Diamanti. Rafael, l'Avenger del Verona è tornato. E ha vinto ancora lui.GIANLUCA VIGHINI
CURVA NORD
Derby: comunicato     <br/>ufficiale Chievo

Derby: comunicato
ufficiale Chievo

Riportiamo il comunicato pubblicato dalla Societá della Diga riguardante i prezzi dei biglietti per la gara con il Verona e alcune novitá sulla Curva Nord. Destinata a diventare la curva dei clivensi per tutte le gare."L’A.C. ChievoVerona, dopo gli accordi di reciprocità presi prima della gara d’andata, comunica che per la partita in programma domenica 10 maggio ChievoVerona – Hellas Verona, i prezzi delle Curve rimarranno invariati rispetto alla gara di andata.Nello specifico € 20 per gli interi ed € 3 per i ridotti Under 15 (sino esaurimento posti), prezzi ai quali saranno da aggiungere i diritti di prevendita.Il settore riservato per tale partita ai possessori di abbonamento di Curva Sud del ChievoVerona sarà quello di Curva Nord Est, con ingresso dai cancelli 9 e 10. La società, alla luce di quanto sopra, si opererà affinché il settore Curva Nord diventi in via definitiva il settore dei tifosi clivensi.Il settore Ospiti, per l'occasione, destinato all'Hellas Verona, sarà la Curva Sud.La prevendita dei biglietti per assistere alla partita ChievoVerona – Hellas Verona inizierà lunedì 27 aprile alle ore 16.00"
Alè Verona
ON AIR
21.04.2015
Vighini Show
ON AIR
24.04.2015

Sondaggio

Chi è stato il migliore a Firenze?

Tutti i sondaggi

Telenuovo Verona
tasto 11 - oggi in tv

  • Informazione

  • Amici Animali

  • TgVeneto

  • Pomeriggio Hellas

  • TgVerona (1' ed)

  • Studionews

  • L'Opinione

  • TgVerona (2' ed)

  • Fantasmi

    thriller (GB 1995) di Lewis Gilbert con Aidan Quinn e Kate Beckinsale
  • Film 2' serata

  • Informazione

  • Film della notte

Sondaggio

Il Chievo ha sorpassato in classifica il Verona. Chi arriva prima?

Tutti i sondaggi

Studionews

TERRA E NATURA
24.04.2015

TERRA E NATURA

TERRA E NATURA
24.04.2015

TERRA E NATURA

STUDIONEWS ATER
23.04.2015

STUDIONEWS ATER

STUDIONEWS AZIENDE
22.04.2015

STUDIONEWS AZIENDE

I video più votati della Settimana