CALCIOMERCATO

Mercato Hellas,
la rabbia dei tifosi

31/01/2018 23:31

E anche l'ultimo giorno di mercato è andato. Il Verona non ha preso quello che serviva davvero: un centrocampista. E' arrivato solo un esterno offensivo: Rolando Aarons dal Newcastle. Sfumati Sanchez e Luca Rigoni.

In tutta la sessione invernale sono arrivati giocatori in prestito secco: zero euro investiti. Però sono arrivati più di 3 milioni dalle cessioni di Bruno Zuculini, Torregrossa e Bessa (prestito oneroso). Inoltre c'è stata la cessione (in prestito) di Pazzini al Levante (che è andato via insieme al suo ingaggio pesante). Restano in rosa invece Heurtaux e Fossati, che non hanno trovato una soluzione in tempo e hanno riposto le valigie a Peschiera.

La rabbia dei tifosi è tanta: moltissimi i commenti sulle nostre pagine che testimoniano la grande delusione per questo mercato. Non si vede una seria programmazione dietro le mosse del presidente Setti e della società.

Il centrocampo, considerato da Fusco il punto di forza della squadra, si è indebolito fortemente. Con l'addio di Bessa e Bruno Zuculini la coppia titolare ora è formata da Buchel e Valoti con Calvano e Laner alternative, più Fossati (anche se non scende in campo da mesi, neanche per cinque minuti) e il ritorno degli infortunati Franco Zuculini e Zaccagni (ma con quale condizione fisica?).

La salvezza appare sempre più difficile.

L.VAL.


 
  • Paolo Pozzerle

    il 01/02/2018 alle 23:46 “Le Tre Dita Di Setti”
    Finalmente svelato il mistero della foto... lo aveva annunciato.... "me porto a casa 3 milioni con le svendite a a Gennaio".... scusate ma sdrammatizzo visto il momento.... e forza Hellas....
     
  • Marcohvr

    il 01/02/2018 alle 21:24 “Gianni Brera”
    La difesa sballata, il centrocampo endemicamente fioco, l’attacco scomposto di gente molto sollecitata a impaurirsi. E dove credevamo di andare? (Gianni Brera, dopo la sconfitta dell’Italia con la Corea nel 1966)
     
  • Frankie

    il 01/02/2018 alle 20:42 “Scusate Volevo Scrivere Arvedi Non Chiampan”
    È stato un refuso. Chiampan è stato infatti un manager abilissimo che si è avvalso di soci in gamba come Guidotti soprattutto, profondo conoscitore di calcio, e D'Agostino e di abili commercialisti, come Rangogni. Chiedo scusa per l'involontario errore.
     
  • Dany

    il 01/02/2018 alle 19:48 “Manager”
    e poi che senso ha fare paragoni tra Martinelli e Chiampan: Martinelli ha guidato il Verona il Lega PRO ... capirai che grandi imprese sportive che budget faraonici .... Chiampan ha guidato il Verona alla vittoria di un clamoroso scudetto, alla partecipazione dell'unica storica partecipazione alla Coppa dei Campioni, e alla unica partecipazione alla coppa UEFA. Mi sembra che fare paragoni tra questi due sia quanto di più insulso ci possa essere
     
  • Dany

    il 01/02/2018 alle 19:38 “Chiampan”
    Chiampan manager incapace ????' ce ne fossero a milioni di manager incapaci che fanno vincere al Verona uno scudetto, un quarto e un sesto posto in 3 anni. Lo sanno anche i sassi che dopo la vittoria dello scudetto i costi erano lievitati di molto e ancora non c'erano allora i soldi delle televisioni. Sarà stato anche lui rovinato dalla passione per il Verona ma per cortesia risparmiate il termine incapace. Meriterebbe un monumento.
     
  • Frankie

    il 01/02/2018 alle 18:28 “Setti, Martinelli, Arvedi, Ed I Proprietari Delle Società Di Calcio”
    Ma chi sono queste persone? Perché investono il loro tempo (e denaro??) nelle società calcistiche? Per Verona aggiungerei Pastorello, Chiampan, Garonzi. Ognuno di loro richiederebbe un'analisi sociale ed economica specifica. Ma per approssimazione individuerei due tipologie: una è l'appassionato e tifoso (che di solito coincide con l'imprenditore locale attaccato sentimentalmente alla bandiera), l'altra è l'affarista che vuole fare soldi col calcio. Nel primo tipo vedo Martinelli, Arvedi, Chiampan, Garonzi; nel secondo Pastorello e Setti. Ma questa distinzione è solo una prima selezione perchè aggiungerei una seconda distinzione basata sulla capacità manageriale (e forse una terza basata sull'onestà). Ci possono essere manager capaci o incapaci sia tra i proprietari appassionati che tra gli affaristi, vedi per tutti gli esempi di Chiampan e di Martinelli, manager incapace il primo e capace il secondo. Essere un bravo manager secondo me significa in campo calcistico ottenere dei validi risultati sportivi ma anche far crescere il valore economico della società. Chiampan l'ha fatto all'inizio, anche Martinelli, direi anche il primo Setti. Qui bisogna però tirare in ballo anche l'onestà e appare evidente la differenza tra i tre citati, a vantaggio dei primi due. Tutto questo per dire cosa? Che il presidente ideale dovrebbe essere appassionato, bravo manager ed onesto. Utopia? Forse, ma forse no, perché mi sembra che il Chievo ce l'abbia. Ecco perché preferirei un proprietario veronese, ma mi basterebbe ed avanzerebbe un manager capace ed onesto, perché anche una Spa calcistica è un'azienda e se si è bravo ci si può guadagnare o almeno non perderci.
     
  • Tex67

    il 01/02/2018 alle 18:28 “Maroni Sgonfi”
    Senza rancore, maroni sgonfi. Figurati. Se sei più anziano di me, sicuramente sarai obiettivo e in buona fede. Inoltre non ti farai certamente prendere per i fondelli da un affarista da 4 soldi. Anzi, sai che ti dico? Scusa se la stagione passata pensavo che il galantuomo di Carpi andasse a prendersi il paracadutino, rimanendo in B. Invece, sfruttando un regolamento vergognoso e sconosciuto ai più, vi ha portato in A e vi ha fatto assistere ad una cavalcata trionfante che lo porterà, guarda un po', ad incassare il secondo (e ultimo paracadute). Sai dove ho CANNATO miseramente, maroni sgonfi? Nell'aspettarmi comportamenti e relative assunzioni di responsabilità da parte di molti tifosi. Più facile abbandonare la nave Settiana, ora che sta' affondando, vero? Come dopo la caduta del Duce: tutti ANTIFASCISTI si dichiararono gli italiani. E ora lo state facendo Voi con Setti. Leggo nelle tue righe assai poco spirito autocritico e della faziosita'. Per quel che mi riguarda, continuate cosi. Almeno, pero', risparmiateVi questo continuo e tardivo frignare. Senza rancore, Ms. Ciao
     
  • Maroni Sgonfi

    il 01/02/2018 alle 16:36 “Text67”
    Porta pazienza, ma a me le prediche non mi sono mai piaciute, e con questo voglio dire che tanti hanno capito il senso delle tue parole ma continuare ogni giorno con la stessa solfa . ...poi, se devo dirla tutta, molti avranno sbagliato atteggiamento con Setti, ma mi pare che anche tu tutto l'anno scorso hai continuato imperterrito a dire che non volevano salire in A, che c'era un piano per restare in B e bla bla bla ed invece hai CANNATO miseramente. Allora, disse uno più importante di tutti noi , "chi è senza peccato scagli la prima pietra" .........per quanto riguarda le "estemporanee apparizioni in A" non credo che tu sia rimasto impassibile di fronte ai goal di Toni e Iturbe e a quel magnifico anno, non credo che a quel tempo pensavi a Setti come lo vedi oggi, Un po' di onestà ed ammissione di colpe non guasterebbe invece di giudicare sempre gli errori o le mancanze degli altri........ Infine una cosa che essendo più vecchio di te vorrei dirti : il tifoso, dal greco typhos=febbre è ammalato di qualcosa , il tifoso è IRRAZIONALE non sta a guardare la dietrologia, ma gode come dici tu dell'estemporaneità ed io non me la sento di accusare pesantemente chi in tanti anni ha sempre sostenuto nel bene e nel male i nostri colori sia allo stadio che a casa dal divano, ed infatti Riccardo che leggi qua sotto e che apprezzo per la sua sincerità, è secondo me uno di questi. Non so se tu sia un abbonato o no, però dire ad uno che per tanti anni ha fatto l'abbonamento, anche con dei sacrifici economici, per seguire l'Hellas, di non fare l'abbonamento e rimanere fuori non è per niente facile, anzi come qualcuno aveva già detto, è come essere innamorati di una bella donna ma non poter mai andarla a trovare....... Quindi il tuo ragionamento è razionalmente giusto, però qualche volta nei tuoi commenti, tieni presente e "compatisci" chi ha un pò di "typhos" ..... suvvia, in fondo in fondo stiamo parlando di calcio...... Senza rancore. MS
     
  • Berto

    il 01/02/2018 alle 12:53 “@ Tex 67”
    Bravissimo, Hai fatto e spiegato molto bene la situazione, CONCORDO ,ogni parola per parola, Ora cè solamente da fare una sola cosa, Meditare, Bravo Tex 67 .
     
  • Tex67

    il 01/02/2018 alle 12:37 “Maroni Sgonfi”
    Non è questione di non abbonarsi x creare un danno economico. È per dare un segnale forte e chiaro, che a mio avviso, dovevate dare già da un paio d'anni. Ora tutti a lamentarsi e perdonatemi, a starnazzare come tante galline. Vi è ancora chi aspetta dichiarazioni dalla proprietà...Ma che dovrebbero fare di più, che avete ancora bisogno di spiegazioni. Cosa non vi è chiaro? Ripeto fino alla morte: unica via d'uscita dignitosa: NON FAR INDOSSARE LORO I NOSTRI COLORI FINO A FINE CAMPIONATO. Purtroppo fino a che, per molti, l'importante l'è cantar, tifare a prescindere e aver paura di non saper come passare la domenica senza l'Hellas, sarete sempre VACCHE DA MUNGERE per "l'Imprenditore" di turno. Brutto da sentirsi dire, ma è purtroppo così, che vi piaccia o no! Al posto di lamentarvi della situazione attuale, troverei più coerente vi chiedeste come mai si è arrivati a questo. Con un po' di onestà intelettuale non dovrebbe essere poi cosi difficile ammettere che in questi ultimi anni siete stati degli ottimi e coreografici tifosi e, come minimo, degli sprovveduti, nel non cogliere i molteplici segnali che giungevano da questa proprietà filantropa. Vi siete fatti fottere in cambio di estemporanee quanto fugaci apparizioni in A. Nessun'altra cosa importava. Se non cantar..! Non sentiatevi offesi, perché in me non vi è volontà alcuna di offendere. Solo rammarico per l'Hellas e un po' di fastidio per chi con questa proprietà ci ha sguazzato fino ad un mese fa' e ora scarica furbescamente tutto su un unico "uomo" (...) che non sarà un Santo di sicuro, ma che certamente AVEVA ed HA tutt'ora, il suo gran seguito tra moltissimi tifosi gialloblu.
     
INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA